123 Main Street, New York, NY 10001

Sarò il tuo specchio

Trovo difficile credere che tu non sia consapevole della tua bellezza, ma se non lo sei lascia che io sia i tuoi occhi una mano nel tuo buio, così che tu non abbia paura.

SARO' IL TUO SPECCHIO:

Rifletterò quello che sei

"Trovo difficile credere che tu non sia consapevole della tua bellezza. Ma se non lo sei lascia che io sia i tuoi occhi una mano nel tuo buio, così che tu non abbia paura"

Come possiamo sopravvivere in questa giungla di immagini? Come possiamo imparare a usare le immagini invece di farci usare dalle immagini? Ma soprattutto, come possiamo imparare a fare della fotografia un mezzo che ci permetta di capire noi stessi, le nostre emozioni, le persone che ci circondano?

Il progetto I’ll Be Your Mirror nasce dall’esigenza di dare una risposta a queste domande. Abbiamo pensato ad un percorso che coinvolga persone in età e ruoli diversi della vita e farli ragionare su immagini ed emozioni.  L’obiettivo è avviare percorsi di educazione all’immagine e all’affettività attraverso la valorizzazione del linguaggio artistico forse più diffuso in questi anni: la fotografia.

I'LL BE YOUR MIRROR

I’ll be your mirror
reflect what you are
in case you don’t know
I’ll be the wind, the rain and the sunset
the light on your door
to show that you’re home
When you think the night has seen your mind
that inside you’re twisted and unkind
let me stand to show that you are blind
please put down your hands ’cause I see you
I find it hard
to believe you don’t know the beauty you are
but if you don’t let me be your eyes
a hand to your darkness so you won’t be afraid
When you think the night has seen your mind
that inside you’re twisted and unkind
let me stand to show that you are blind
please put down your hands
’cause I see you
I’ll be your mirror (reflect what you are)

SARO' IL TUO SPECCHIO

Sarò il tuo specchio
rifletterò quello che sei
nel caso non lo sapessi
sarò il vento, la pioggia e il tramonto
la luce alla tua porta
per mostrarti che sei a casa
Quando credi che la notte abbia invaso la tua mente
che dentro sei confusa e inaridita
lascia che ti mostri che sei cieca
abbassa la tue mani perché ti veda
Trovo difficile
credere che tu non sia consapevole della tua bellezza
ma se non lo sei lascia che io sia i tuoi occhi
una mano nel tuo buio, così che tu non abbia paura
Quando credi che la notte abbia invaso la tua mente
quando dentro sei confusa e abbrutita
lascia che ti mostri che sei cieca
per piacere abbassa le tue mani
perché io ti vedo
Sarò il tuo specchio (rifletterò ciò che sei).

–  The Velvet Underground & Nico –

Condividi il post:

Articoli correlati:

Tutto pronto…

Un mesetto fa mandavamo gli inviti alla conferenza stampa che avrebbe finalmente presentato alla città I’LL BE YOUR MIRROR.
Poi è scoppiata l’emergenza Covid 19.

Leggi l'articolo >>

Workshop di autoritratto

Oggi siamo bombardati da immagini. E per “difenderci” una via che possiamo seguire è quella di produrre immagini vere, che parlino di noi stessi. Anche noi siamo un’opera, basta solo girare l’obiettivo.

Leggi l'articolo >>